Gundam Italian Club

MS Gundam Climax U.C.

COVER
GAME
DATA DI USCITA
GENERE
PIATTAFORMA
PRODUTTORE
NOTE
MS Gundam Climax U.C.
2006.03.02
Action
PS2
Bandai Namco Games
 

Mentre Gundam Musou 2 (e magari anche l’ultimo episodio di Gihren no Yabou) starà  imperversando nelle console dei fan di Gundam al momento, chi ha il gusto del vintage può tornare al 2006 e dare un’occhiata a questo Climax UC per PS2.
Climax UC, sulla carta, realizza il sogno di molti fan di Gundam: è un videogioco che permette di rivivere la maggior parte dell’epopea spaziale targata Sunrise, partendo dalla Guerra di Un Anno e arrivando fino all’invasione di Crossbone Vanguard. In altre parole, consente di prendere parte ai vari conflitti dello Universal Century, pilotandone i mobile suit e affrontandone i protagonisti. Noterete che l’ultimo conflitto di cui ho parlato è l’invasione di Crossbone Vanguard (anche se in realtà  ci sarebbe qualcosa di più, ma ve lo spiego dopo); potreste dunque chiedervi che fine abbia fatto V Gundam, l’unico periodo dell’UC non rappresentato. Ve lo dico subito: non c’à¨. Pare che i programmatori abbiano ritenuto i mobile suit della Guerra di Zanscare troppo potenti per essere inclusi nel gioco. Motivazione alquanto labile, ma tant’à¨.

La struttura di base è quella di uno shooter in terza persona, vagamente ispirato alla serie dei versus in fatto di sistema di controllo, ma con qualche modifica. Per esempio, esiste un metodo di collimazione somigliante a quello di Encounters in Space: tenendo premuto il tasto di fuoco, si carica una barra apposita, che può riempirsi fino a un massimo di tre volte. A seconda di quante volte si è riempita, il mobile suit impiegato usa un’arma differente (che, ovviamente, varia da modello a modello). Inoltre, questa operazione determina anche il numero di colpi sparato al momento di rilasciare il pulsante, e quindi quanti bersagli vengono attaccati (al momento di abbatterne uno, il mobile suit ne punta automaticamente un altro). Esiste anche la possibilità  di parare i colpi con lo scudo (dove è presente), che però non è eterno e finisce in pezzi dopo qualche attacco. Se poi volete provare il brivido di essere newtype, c’èanche quello: di tanto in tanto, potrebbe capitarvi di vedere il familiare flash che Amuro ha visto molte volte. Quando questo accade, significa che qualcuno vi sta sparando addosso e che potete utilizzare una schivata apposita per evitare il colpo in anticipo. La frequenza dei flash dipende dal valore di newtype del pilota che state usando.
Rispetto ai versus, c’èstato anche un miglioramento grafico, con dei modelli poligonali più dettagliati (anche se alcuni, vedere i Gaw durante l’attacco a Jaburo, lasciano ancora a desiderare). Peccato per dei fondali generalmente anonimi, ma non è che si possa pretendere più di tanto quando parecchie missioni sono ambientate nello spazio.
La modalità  che probabilmente attirerà  i fan a una prima occhiata è il chronicle mode. Trattasi di un percorso della saga UC dallo 0079 allo 0123, passando attraverso le avventure dei protagonisti delle varie produzioni animate, con in più una missione bonus finale. Inizialmente, potrete prendere il controllo di Amuro (Gundam), Shiro (The 08th MS Team), Christina (War in the Pocket), Kou (Stardust Memory), Kamille (Z Gundam), Judau (Gundam ZZ), ancora Amuro (Char’s Counterattack) e poi Seabook (Gundam F91), giocando un numero variabile di missioni (al massimo tre) che riprendono alcuni punti cardine della saga corrispondente e venendo premiati con dei filmati a essa ispirati. Completando le rotte dei personaggi principali, si sbloccano quelle dei secondari: sarà  quindi poi possibile rivivere gli eventi anche controllando i vari Char, Aina, Gato, Four, Haman, Zabine e così via. Considerato che le missioni sono poche e piuttosto facili, la modalità  non dura granchè.