Vai al contenuto
Home » Una testa di Gundam realizzata con Gunpla riciclati

Una testa di Gundam realizzata con Gunpla riciclati

Una testa di Gundam a grandezza naturale realizzata con Gunpla riciclati
Svelata una testa di Gundam a grandezza naturale realizzata con kit Gunpla riciclati!
Durante la campagna di riciclaggio, durata un mese, è stata raccolta circa una tonnellata di runner usati.

Bandai Namco Group ha mostrato una testa Gundam a grandezza naturale, realizzata interamente riciclando i runner dei kit Gunpla, durante l’evento di chiusura della sua campagna “Gundam Recycle Strategy” nel week end del 20 e 21 novembre. L’artefatto alto due metri è stato realizzato con circa 3.000 runner (le cornici che contengono i componenti del modellino in plastica prima che sia montato).

A partire dal 20 ottobre, i modellini “EcoPla”, realizzati con materiali riciclati, sono stati distribuiti presso la Gundam Base a Tokyo e in altri negozi selezionati in tutto il Giappone, insieme a opuscoli informativi atti a sensibilizzare il pubblico al riciclaggio. Circa una tonnellata di runner usati è stata raccolta durante la campagna, durata un mese.

Altri pezzi in mostra includono una casa da tè creata dall’artista Yо̄ichi Ochiai e un’installazione della società creativa Naked, Inc.

Il “Gunpla Recycle Project” è un progetto congiunto tra Bandai Namco Holdings, Bandai Spirits, Bandai Amusement e Bandai Logipal. Le aziende mirano a utilizzare una tecnologia di riciclaggio chimica all’avanguardia per riutilizzare Gli scarti dei modelli in plastica della serie Gundam (altrimenti noti come Gunpla) in nuove costruzioni. Dal 1° aprile, circa 190 strutture gestite da Bandai Namco Amusement, a partire da ogni negozio Namco in Giappone, hanno installato una cassetta per la raccolta dei componenti destinati al riciclaggio. I materiali raccolti verranno inviati al Bandai Hobby Center di Shizuoka, che si occupa della produzione dei Gunpla. Si prevede che in un anno verranno riciclate 10 tonnellate di plastica.

Bandai Namco Group mira a raggiungere una riduzione del 35% delle emissioni di carbonio entro il 2030 e zero emissioni entro il 2050, implementando nuove tecnologie di risparmio energetico e sostenibili in tutte le sue strutture di intrattenimento, le sue fabbriche, gli spazi per uffici e altre aree operative .

Il gruppo ha annunciato il suo progetto di sostenibilità “Gundam Universal Century Development Action” lo scorso giugno (vedi news del 23 giugno), teso ad affrontare i problemi relativi alla sovrappopolazione e alla salvaguardia dell’ambiente terrestre attraverso la nuove idee e tecnologie.

La Gundam Factory Yokohama, la struttura che ospita una statua a grandezza naturale dell’RX-78-2 Gundam, riceve alimentazione elettrica dalla centrale eolica Hama Wing di Yokohama City dallo scorso maggio. L’impianto attualmente genera zero emissioni di carbonio.

Fonte: Gundam.info