Gundam Italian Club

Unicorn anime vs romanzo Ep 05

Gundam Unicorn

Se si eccettuano le varie parti già  utilizzate per l’episodio 4 (la scena di Audrey al diner, la chiamata a raccolta dei reduci ed il loro attacco a Torrington), gli eventi del quinto anime coprono praticamente tutto il settimo volume del romanzo, più l’inizio dell’ottavo.
Va però detto che, sebbene molti degli avvenimenti narrati in questi libri coincidano nella sostanza con quelli dell’anime, il loro ordine ed in alcuni casi anche l’ambientazione sono quasi sempre differenti.
Per chi non teme una buona dose di spoiler, ecco sintetizzati alcuni degli aspetti più o meno sensibilmente cambiati nell’animazione:

Gundam Unicorn* vol.7, capitolo 1 [Gundam Ace: 0096/Sect.6 (1)]

– Il capitolo si apre a bordo della Ra Cailum, sulla quale sono state imbarcate entrambe le unità  di RX-0. Nell’hangar MS della nave, Alberto Vist osserva i tecnici dei laboratori di Augusta, affaccendati attorno al Banshee. Il direttore Bentona è soddisfatto perchè i risultati hanno superato le aspettative: l’interazione pilota-MS è perfetta, e non si sono riscontrati problemi nel collegamento con il sistema NT-D. Dopo che Marida Cruz è uscita dall’abitacolo, sopraggiunge Riddhe Marcenas, ed Alberto lo saluta felicitandosi con lui perchè aveva sentito dire che era morto nella battaglia di Palau. Gli spiega inoltre che il Banshee, lo Unicorn nero che il giovane pilota federale vede davanti a sè, non ha il La+ program, superfluo in un MS anti-newtype [l’inizio dell’anime è diverso, perchè riprende la fine dell’episodio precedente, aggiungendovi un flashback con il lancio ad alta quota del Banshee, che arriva sul campo di battaglia di Dakar; le scene nell’hangar della nave si vedono subito dopo, ma non sono presenti i tecnici di Augusta, e il discorso tra Alberto e Riddhe è sostituito da un dialogo che nel romanzo avviene molto più tardi]

– Sulla Terra, Ronan Marcenas è al telefono con Martha Vist Carbine, mentre in televisione va in onda un resoconto dei fatti di Dakar, che hanno provocato migliaia di vittime, tra morti e dispersi. Il politico federale esprime riprovazione per quanto avvenuto, insieme a qualche timore per le prospettive future, mentre la dirigente della Anaheim cerca di minimizzare l’incidente, ed anzi non nasconde il suo arrogante compiacimento per la piega presa dagli eventi [sull’anime una telefonata simile è stata inserita nell’episodio 4, ben prima dello scontro fra Banshee e Unicorn]

– Nuovamente a bordo della Ra Cailum, ammiraglia dei Londo Bell, Bright Noa è messo a disagio dalla presenza di Martha, che considera la nave e l’equipaggio come se fossero di sua proprietà . La donna cerca di persuadere il comandante ad assecondarla nei suoi piani, ma si accorge che è di una pasta differente rispetto agli ufficiali corrotti con cui è abituata a trattare. Non appena il capo della Fondazione Vist lascia la stanza, Bright chiede al suo vice Meran di mettersi in contatto con la compagnia Luio; poi, rimasto solo, guarda verso la parete dove è appeso un quadro con Amuro Ray (promosso in modo postumo a Tenente Colonnello) e gli dice «Non ridere» [sull’anime Martha non sale mai a bordo della Ra Cailum e non ha alcuna conversazione con Bright Noa; inoltre la scena del quadro con Amuro si vede solo più tardi, dopo che Bright ha parlato con Banagher e si è messo in contatto con Beltorchika Irma]

– Nella parte più interna della Ra Cailum, in una stanzetta di appena tre metri quadri, Banagher è sottoposto a interrogatorio da parte di un ex membro dei Titans, ora appartenente alla Fondazione Vist. Nonostante le minacce, il ragazzo si rifiuta di svelare le nuove coordinate indicate dal La+ program, e questo fa infuriare il suo inquisitore, che si scaglia sul giovane. In quel momento entra però Alberto, che chiede di essere lasciato solo col prigioniero per provare un approccio diverso. Subdolamente, l’uomo mina la resistenza di Banagher, insinuando l’idea che non deve sentirsi in debito verso suo padre Cardeas, perchè lui non lo considerava un figlio, ma solo un soggetto da addestrare come Newtype artificiale. Un’altra motivazione per collaborare è che l’apertura dello scrigno di Laplace distruggerebbe l’ordine politico stabilito, portando inevitabilmente altre guerre e sofferenze [sull’anime questa scena è omessa; la stanza dell’interrogatorio si intravede solo brevemente, su uno dei monitor davanti a cui siede Martha a bordo del Garuda]

– La Garencieres, dopo aver recuperato un Zee Zulu dal campo di battaglia di Dakar, si prepara a lasciare l’atmosfera. Sul ponte, il comandante Zinnerman è in contatto video con Full Frontal: quest’ultimo ha ricevuto i nuovi dati dallo psycho-monitor installato sullo Unicorn Gundam, e quindi conosce le prossime coordinate indicate dal La+ program. Non è necessario ricatturare il mobile suit bianco nè salvare Mineva Lao Zabi, perchè stavolta le informazioni sono quelle decisive e si può chiudere la partita.
Prima di andare oltre, Zinnerman vuole sapere le ragioni per cui hanno dovuto fornire supporto militare a Mahdi Garvey. Full Frontal risponde che è servito per dimostrare a tutti che Neo Zeon non è stato sconfitto. Dalla caduta dell’asteroide 5th Luna sulla Terra, tre anni addietro, la Federazione non aveva più sofferto grandi perdite; un massacro come quello di Dakar era il modo migliore per risvegliare l’attenzione dell’opinione pubblica e chiamare a raccolta tutti i sostenitori della causa.
Dopo aver chiuso la comunicazione, Zinnerman è visibilmente turbato, e ordina un cambio di rotta: la nave non si ricongiungerà  con la Rewloola nello spazio, ma si dirigerà  verso il Pacifico meridionale. Nè la principessa di Zeon, nè Marida possono essere lasciate in mani nemiche; per far questo è necessario raggiungere la Ra Cailum ed entrare nuovamente in possesso dell’RX-0 [sull’anime questa scena manca]

– Sul ponte MS della Ra Cailum, Riddhe Marcenas, Watts Stepney e Daryl McGuinness, ai quali poi si unisce Nigel Garrett, osservano i vari MS imbarcati sulla nave, attorno a cui stanno lavorando i meccanici del secondo capo Hanna. I piloti parlano fra di loro della situazione, soffermandosi soprattutto sugli Unicorn Gundam: la spalla destra dell’unità  bianca mostra la scritta “Project UC”, lo stesso piano che ha prodotto i loro RGM-96X Jesta.
Poco dopo, un piccolo jet civile viene trainato fino all’hangar da un mezzo di servizio. Dal portellone del velivolo scende Audrey Burne, alias Mineva Lao Zabi, scortata da alcuni uomini della Fondazione Vist. Riddhe la chiama a gran voce, ma la ragazza non accenna alcuna reazione, e gli “uomini in nero” la conducono rapidamente verso l’interno della nave, dove è attesa da Martha Vist Carbine.
Intanto la nave sta volando in mezzo a nubi temporalesche; Banagher, rinchiuso in infermeria, viene svegliato di soprassalto da un tuono. Accanto a lui, il monitor sul pannello comunicazioni mostra l’arrivo di Audrey. Ingenuamente il giovane cerca di farsi sentire per avvertirla di scappare, ma come unica risposta alle sue grida la porta scorrevole della stanza si apre, ed entra Alberto. L’uomo continua la debilitazione psicologica iniziata nella stanza degli interrogatori: rivela al ragazzo di essere suo fratellastro, e gli spiega che i nuovi accordi tra la famiglia Marcenas e la Fondazione Vist rendono ormai inutile ogni resistenza. Con Audrey in mano loro, dovrà  dire ciò che sa. Banagher, sebbene scosso dalle parole di Alberto, lo colpisce e riesce a scappare dell’infermeria, inseguito dai tre uomini della Fondazione che attendevano fuori di guardia. Fuggendo attraverso i corridoi della nave, il giovane si dirige al ponte MS, dove incontra Riddhe e gli chiede di aiutarlo. Ma la sua fuga viene presto fermata da un pilota in tuta nera: Ple Twelve, alias Marida Cruz [sull’anime tutte queste scene mancano, anche perchè Mineva non sale mai a bordo della Ra Cailum, ed il suo incontro con Martha avviene sul Garuda; inoltre l’unico intervento di Marida sul ponte MS non si ha ai danni di Banagher, ma di Riddhe, e comunque in circostanze diverse]

* vol.7, capitolo 2 [Gundam Ace: 0096/Sect.6 (2)]

– Nella stanza a lei riservata, Martha informa il nipote Alberto che la nave è diretta alla base australiana di Torrington, dalla quale in seguito raggiungerà  lo spazio. I due poi discorrono ancora della situazione, e soprattutto di quanto Banagher somigli al padre Cardeas. Quando Alberto esce accompagnato da Marida, si imbatte in Riddhe, al quale spiega tra le altre cose che Banagher è suo fratellastro, e che la ragazza è il pilota del Banshee [sull’anime la parte di conversazione tra Martha ed Alberto riguardante Banagher si svolge durante una comunicazione video tra la Ra Cailum (dove si trova Alberto) e il Garuda (a bordo del quale c’èMartha); il dialogo fra Alberto a Riddhe avviene invece molto prima, ed è assai più breve]

– Nella seconda sala comunicazioni della sua nave, Bright Noa è in contatto video con la compagnia Luio, importante concorrente della Fondazione Vist, nonchè punto di riferimento per i movimenti clandestini di New Hong Kong. Beltorchika Irma, sostituto temporaneo della titolare Stephanie Luio, deve riferirgli i risultati dell’indagine da lui stesso commissionata in precedenza. Ma come prima cosa, la giovane donna si rammarica della triste sorte subita tre anni addietro da Amuro Ray, al quale era stata legata sentimentalmente. Passando poi all’argomento del suo rapporto, Beltorchika fornisce a Bright importanti informazioni sui piani di Martha Vist Carbine e Ronan Marcenas per impossessarsi dello scrigno di Laplace, nonchè sui movimenti di Full Frontal e della Repubblica di Zeon [sull’anime la comunicazione con Beltorchika avviene solo dopo che Bright ha incontrato Banagher; il principale argomento sui cui verte sono i movimenti della flotta federale (nessuna menzione di Amuro, Full Frontal o la Repubblica di Zeon), a cui Bright aggiunge la richiesta di contattare la Garencieres tramite Kai Shiden; inoltre, nella sala comunicazioni c’èanche Meran, assente su questa scena del romanzo]

– Subito dopo che la Medea con a bordo Mineva ha lasciato Torrington, Marida, obbedendo agli ordini del nuovo “master” Alberto, fa salire il suo Banshee su un RAS-96 Ankusha per scortare l’aereo fino a destinazione [sull’anime questa scena manca, anche perchè l’unica “piattaforma volante” (sub flight system) utilizzata dal Banshee è un Base Jabber]

– Mentre l’attacco a Torrington da parte dei reduci di Zeon sta terminando, il Delta Plus affronta lo Unicorn: Riddhe vuole infatti impedire l’apertura dello scrigno di Laplace, e così facendo crede di proteggere Mineva; con l’aiuto del Dodai Kai di Zinnerman e Besson, l’RX-0 riesce però a disimpegnarsi e si dirige alla volta del Garuda [sull’anime questa scena manca; lo Unicorn viene portato forzatamente verso il Garuda dallo stesso Base Jabber sui cui si trova il Banshee, scortato dal Delta Plus di Riddhe e i Jesta dei Tri-Stars]

* vol.7, capitolo 3 [Gundam Ace: 0096/Sect.6 (3)]

– A 6000 metri di altitudine la Garencieres è ingaggiata dal Garuda. Zinnerman comunica al suo equipaggio che porterà  lo Unicorn Gundam verso il gigantesco aerotrasporto, mentre lui, con indosso una tuta federale, si infiltrerà  all’interno del mezzo nemico in modo da disabilitarlo e permettere alla nave di avvicinarsi senza problemi. Ma una volta arrivato nei pressi del Garuda, il Dodai Kai su cui si trova lo Unicorn viene attaccato dal Banshee, in volo su un Ankusha. Inizia così un duello tra il mobile suit bianco di Banagher (armato di beam saber, beam gatling e scudo) e la controparte nera di Marida (con beam saber, beam magnum e scudo) [sull’anime il comandante della Garencieres indossa una tuta di Neo Zeon e si infiltra nel Garuda usando un Base Jabber senza pilota; lo stesso tipo di sub flight system è utilizzato anche dagli RX-0 durante il loro combattimento; i due MS sono inoltre equipaggiati in modo differente: l’RX-0 bianco è infatti disarmato ma riesce ad usare la beam saber presa ad un Ankusha, mentre il Banshee, oltre alle sue beam saber, ha i due armed armor installati sulle braccia]

– Una volta introdottosi non senza difficoltà  sul Garuda, Zinnerman ne sabota alcuni motori, facendo perdere quota all’enorme aereo [sull’anime questa scena manca, e nel corso dell’episodio il Garuda viene solo lievemente danneggiato dall’esplosione di un Ankusha]

– Mineva si lancia nel vuoto e viene salvata dallo Unicorn. Banagher la porta al sicuro verso la Garencieres, sul cui portello superiore trovano il Geara Zulu di Ivan, che prende in consegna la principessa di Zeon. Lui tornerà  al Garuda per salvare Zinnerman, Besson e possibilmente anche Marida [sull’anime quando lo Unicorn atterra sul lato superiore della Garencieres non c’ènessun MS ad attenderlo, e la scena in cui Mineva scende dall’RX-0 non viene mostrata]

– Martha ed Alberto si preparano a lasciare il Garuda a bordo di uno shuttle, ed ordinano al Banshee di coprire la loro fuga. Marida è ancora scossa dallo scontro con lo Unicorn; quando vede anche il Delta Plus apprestarsi a decollare, riconosce nel MS di Riddhe la forma di un Gundam e gli spara con il beam magnum. Il potente colpo abbatte l’MSN-001A1, facendolo precipitare, e distrugge uno degli engine block del Garuda [sull’anime il Banshee distrugge il Delta Plus utilizzando solo calci e pugni, ma soprattutto il vibration nail del braccio sinistro; inoltre, il suo attacco viene provocato dal fatto che Riddhe voleva sparare ai due RX-0 in combattimento nell’hangar]

– Nell’hangar del Garuda, il Banshee ha smesso di combattere contro lo Unicorn: grazie all’intervento di Suberoa Zinnerman Marida sta finalmente per liberarsi dal ricondizionamento mentale. Dal portellone posteriore entra un Ankusha, che puntando i suoi beam launcher al MS di Banagher intima la resa; il pilota dell’RX-0 nero spara al RAS-96, e lo manca. L’Ankusha colpisce invece il Banshee ad un fianco, facendo perdere i sensi a Marida, ma è subito annientato dalla beam gatling dello Unicorn bianco.
Banagher e Zinnerman estraggono poi Marida dall’abitacolo del Banshee e contattano Besson perchè venga a recuperarli con il Dodai Kai. Subito dopo, il pilota dello Unicorn si accorge che Alberto è rimasto vicino alla porta dell’hangar: l’uomo, pieno di rabbia, impugna una pistola. Odia soprattutto il fratellastro, perchè gli ha portato via ogni cosa: il padre, lo scrigno di Laplace, Marida. Nessuno dei colpi che spara va però a segno; Zinnerman riesce infine a disarmarlo e lo lascia andare.
Quando il Dodai Kai arriva, i tre abbandonano il Garuda ormai prossimo alla distruzione, dal quale vedono distaccarsi numerosi pod di salvataggio. Sebbene inseguiti da una squadriglia di Ankusha, raggiungono la Garencieres, ma durante le delicate operazioni di attracco in volo sopraggiungono anche i mobile suit federali, e per proteggere la nave Besson non esita a schiantarsi contro di loro in un attacco suicida [sull’anime tutte queste scene mancano o sono comunque differenti; dopo che Marida si è liberata dal ricondizionamento mentale, il Banshee si disattiva e lei, priva di sensi, cade dall’abitacolo aperto, finendo tra le braccia di Suberoa Zinnerman; mentre ciò avviene, Alberto è già  a bordo dello shuttle insieme a Martha, e si accorge di aver “perso” Marida per lo spegnersi dei terminali di controllo sul suo computer; il rientro di Zinnerman, Marida e Banagher sulla loro nave non viene mostrato, ed in ogni caso non comporta la morte di Besson, che per tutto l’episodio rimane a bordo della Garencieres]

– Mentre la Garencieres si sta ricongiungendo con la Nahel Argama nell’alta atmosfera, varie migliaia di metri più in basso, Alberto è ai comandi di un RAS-96 Ankusha in assetto mobile armor. Prima che il Garuda esplodesse è infatti riuscito a fuggire su questo MS trasformabile, portandosi via anche il Banshee, nel cui abitacolo siede ora Riddhe Marcenas [sull’anime questa scena manca, anche perchè Alberto lascia il Garuda a bordo dello shuttle Klimt, mentre Riddhe rimane nell’hangar del Garuda insieme allo Unicorn nero]

* vol.8, capitolo 1 [Gundam Ace: 0096/Sect.7 (1)]

– Nello spazio, la Carrot e la Tenenbaum, incrociatori di classe Clop appartenenti alla flotta di Londo Bell, vengono attaccate da due unità  di Neo Zeon: l’MSN-06S Sinanju pilotato da Full Frontal ed il nuovo YAMS-132 Rozen Zulu, ai cui comandi siede Angelo Sauper. Nonostante la superiorità  numerica dei mobile suit federali, tra cui si trovano anche i Jesta dei Tri-Stars, il leader dei “The Sleeves” ed il suo subalterno hanno in breve la meglio, distruggendo le navi nemiche. I superstiti si vedono costretti alla fuga, ed in seguito verranno raccolti dalla General Revil, poderosa corazzata di classe Dogosse Gier [sull’anime queste scene mancano; quando l’azione si sposta nello spazio, i MS della General Revil attaccano la Nahel Argama e la Garencieres, ma vengono fermati dal Rozen Zulu e dal Sinanju, che, nell’ultima scena dell’episodio, rivolge il suo bazooka contro la corazzata federale]

EP 01EP 02EP 03EP 04EP 05EP 06EP 07